Kelvin 273

Francesca Rita Rombolà

Arcaicità e modernità, la poesia in Tibet

11052015163432_sm_12035

La creazione letteraria in Tibet è da sempre ricca e varia. La poesia, in Tibet, ha origini arcaiche (se non addirittura antidiluviane!), perciò la sua produzione è davvero molto vasta. Mi limitterò a riportare, in sintesi, cenni essenziali affinchè se ne possa intuire il concetto e la sublimità. I testi poetici di Dunhuang, ad esempio, sono tanto arcaici da essere ancora oggi poco conosciuti, soprattutto in Occidente, per cui tutto rimane vago e provvisorio in questo campo. Mancando i procedimenti poetici abituali in altre tradizioni del mondo, cioè la rima o l’allitterazione, sono il ritmo e la struttura a conferire a questi testi la loro bellezza. La lingua tibetana si serve, in versi e in prosa poetica, di sillabe raddoppiate o di sillabe prive di significato lessicale, ma impiegate(un pò come onomatopee non finalizzate, però, a riprodurre un suono)per descrivere situazioni o aspetti particolari. Questa forma di espressione, in Tibet, si è conservata fino ai nostri giorni nell’epica e nei rituali destinati a divinità minori. Essa implica, ogni volta, una situazione emotiva o drammatica, ed è caratterizzata da un ritmo affannoso. E’ veramente una forma trascinante di espressione poetica, la quale contempla una data espressione per situazioni diverse. Queste espressioni appaiono piuttosto delineate, grazie al contesto, nell’epica. E così, Kyi – li – li si usa per lo sguardo di una donna, l’arcobaleno e il fulmine; Kyru – ru – ru per risate o canti; Khyi – li – li per una burrasca e onde che si alzano; Khra – la – la per il suono degli zoccoli dei cavalli; Tha – ra – ra per le ‘nuvole’ di guerrieri adunati e per il veleno; Me – re – re per una fitta folla, l’oceano, le stelle. Nei testi antichi e nei rituali moderni del bsang in cui tale struttura si è conservata, il ritmo rapido del verso è scandito dalla particella ni, sorta di cesura ripetuta sempre nella medesima posizione in ciascun verso, in genere per dare forte enfasi al soggetto logico. Un esempio di poesia tibetana: Più vicino, sì, sempre più vicino, / Yarpa, sì, è vicino il cielo, / stelle del cielo, sì, sì – li – li. / Più vicino, sì, sempre più vicino, / Lakar, sì, alla roccia vicino, / stelle di roccia, sì, sì – li – li.

 

 

Canto di immortalità

 

Anche se la terra si comprime e trema

e le montagne si spaccano

io canto.

Anche se il suolo è pieno di voragini

che marcano abissi e baratri sconosciuti

e tutto precipita e scompare

io canto.

Anche se le torri crollano,

le case si accartocciano

i palazzi dorati e le pagode

sono ridotti in mucchi di detriti

io canto.

Anche se la morte ha invaso

l’aria cristallina delle altitudini,

il dolore e la paura hanno colpito a fondo

io canto.

Anche se il mondo intorno a me

è disperazione, i vivi piangono,

gli alberi e i fiori sono inerti

io canto.

 

 

Perchè attraverso il canto io celebro

la vita e la morte

e la rinascita senza fine.

Perchè per mezzo del canto io celebro

senza tempo e distanze

e rendo immortale ciò che passa in un istante.

 

Francesca Rita Rombolà

 

12 maggio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Francesca Rita Rombolà

Francesca Rita Rombolà è una poetessa e scrittrice. Ha pubblicato diversi libri di poesia e di narrativa (romanzi, raccolte di racconti, raccolte di poesie). Ha ricevuto menzioni e riconoscimenti vari da critici letterari e giornalisti(primo fra tutti Indro Montanelli nel lontano 1989) fra i quali Mauro Baroni, Paolo Ruffilli, Ettore Fini, Giorgio Barberi Squarotti. Ha frequentato alcuni corsi di scrittura creativa e ha collaborato con la rivista francese di teatro “CASSANDRE HORSCHAMP” diretta da Marc Tamet autore di teatro contemporaneo a Parigi. Francesca Rita Rombolà scrive sul blog WWW.POESIAELETTERATURA.IT – Canto e parole nell’era dei sentimenti estinti… Ha scritto anche diversi articoli per il blog CAMBIAVERSO – L’informazione controcorrente. Sue poesie e suoi articoli di musica e letteratura appaiono anche, periodicamente, sul blog DELIRI PROGRESSIVI. Scrive sul giornale on line PrimaPaginaOnLine.org.

Utenti online