Kelvin 273

Francesca Rita Rombolà

Donna. Poesia. Immaginazione. Le tre Grazie di ogni epoca sognante

Donna. Poesia. Immaginazione. Le tre Grazie di ogni epoca sognante

L’immaginazione, un sospiro profondo, uno squarcio tellurico e pulsante di vita in mezzo alla palude, un lampo di luce nella notte dispersa dentro tenebre infinite, uno spasmo di vitalità tra larve imputridite di apatia e indifferenza, un fremito che attraversa il cielo e la terra, riconcilia l’inferno e il paradiso, uno slancio sovrumano verso dimensioni insondabili. Alta finanza, politica, ricchezza, potere, comando, capitalismo, globalizzazione, leggi e ordinamenti, burocrazia e istituzioni, rigidità o categorizzazione di fronte all’immaginazione crollano come castelli di sabbia colpiti dall’onda di marea. Quale valore, forza, ragione di mostrarsi e di svilupparsi possono avere senza l’immaginazione?

L’immaginazione è tutto e niente. E’ niente ed è tutto. Per la società civile, per la civiltà degli uomini, per l’essere umano uomo o donna. L’immaginazione crea, porta il cambiamento, soffia sui sepolcri e fa vivere i morti.

Immaginazione. Poesia. Donna. Hanno molto in comune, se non addirittura tutto. Fragili tutte e tre eppure così forti da sfidare il mondo, così coraggiose da reggerlo, così importanti da preservarlo dalla distruzione e dall’annichilimento. Donna. Poesia. Immaginazione. Le tre Grazie di ogni epoca sognante che fa dell’Arte il suo baluardo e il modello da seguire in ogni senso e in ogni circostanza.

Poesia, colma di immaginazione che va sicura sul sentiero del giorno raggiante di pienezza. Donna, fertile campo dell’immaginazione vestito della bellezza, albero fecondo della poesia che permea gli esseri tutti e il loro sentire, le cui radici toccano il centro della terra. L’ efferata e incomprensibile violenza di un attimo, la brutalità devastante di un gesto che, in un attimo, devasta, sconvolge, uccide possono spezzare il magico incanto di queste tre meravigliose e sublimi “fanciulle” delle quali il mondo, in fondo, non potrà mai farne a meno…

Ma se schiacciate noi ci risolleveremo. Se colpite ci rialzeremo. Se uccise risorgeremo. E correremo ancora libere nei sogni e nella realtà di ogni essere pensante libero come noi. E marceremo sicure sulle vie dell’immaginario come colombe rese zoppe da una cieca furia inumana, divenute nere perchè torturate con inaudita crudeltà da chi non comprende o non vuole comprendere l’eccellenza del nostro esistere per il genere umano.

 

Una zoppa colomba nera

 

E’ lì sui lastroni grigi dell’emiciclo

con una zampa ferita dal piombo

del silenzio.

La pioggia fitta

ha spazzato le voci

e ora il mondo è lava indurita.

 

Se mi schiacciate risorgerò!

Se mi schiacciate risorgerò

dalla polvere delle strade!

 

C’erano molte colombe bianche

e sono volate via.

Si sono rifugiate

sotto le ali del cielo morente

perchè si era abbattuto

un fulmine sul mondo.

 

Se mi schiacciate risorgerò!

Se mi schiacciate risorgerò

mille volte dalla polvere delle case!

 

Io sto seduta sotto la pioggia

impavida dei rumori,

indifferente dei rumori indifferenti.

Una colomba cerca avanzi di cibo

zoppicando: è una colomba nera!

 

Se mi schiacciate risorgerò!

Se mi schiacciate risorgerò

ancora dalla polvere delle piazze!

 

Zoppica impaurita dalla paura

e la pioggia lava il filo

di sangue che traccia il suo zoppicare.

Ha fame e si spinge sul fragore

del tumulto a cercare briciole di pane.

 

Se mi schiacciate risorgerò!

Se mi schiacciate risorgerò

dalle fiamme e spiegherò

le ali verso il sole come la Fenice!

 

Io sto seduta ad ascoltare

il sordo grido della nube cieca,

e la pioggia che cade uccide

le foglie degli alberi

perchè il mondo è lava indurita.

 

Se mi schiacciate risorgerò!

Se mi schiacciate risorgerò

dal vento che a volte

solleva all’aurora brandelli di ossa!

 

Una volta vidi anch’io una colomba nera

aveva una zampa ferita

e sul sangue che lasciava

come cancrena serpeggiante

c’era il sangue di tutte le illusioni.

Venne verso di me zoppicando

e le sue puime nere

lacerarono l’artiglio minuscolo

della sua fredda disperazione.

 

Se mi schiacciate risorgerò!

Se mi schiacciate risorgerò

dal fuoco che arde

sulla nebbia senza volto!

 

C’era una colomba nera,

e zoppicava, era ferita

e il suo sangue colava

a picco con gli ultimi assalti della pioggia.

Era una colomba nera

come i vapori del cielo di levante.

 

Se mi schiacciate risorgerò!

Se mi schiacciate risorgerò

dal vento della morte silenziosa

che si leva ogni mezzodì!

 

Le ceneri non erano fumanti,

le ceneri erano case e

erano strade di polvere informe.

 

Poesia tratta dalla silloge ALBA, SUL PONTE SOSPESO di Francesca Rita Rombolà (anno di pubblicazione 1994)

© Riproduzione Riservata
Tags

Francesca Rita Rombolà

Francesca Rita Rombolà è una poetessa e scrittrice. Ha pubblicato diversi libri di poesia e di narrativa(romanzi, raccolte di racconti, raccolte di poesie). Ha ricevuto menzioni e riconoscimenti vari da critici letterari e giornalisti(primo fra tutti Indro Montanelli nel lontano 1989)fra i quali Mauro Baroni, Paolo Ruffilli, Ettore Fini, Giorgio Barberi Squarotti. Ha frequentato alcuni corsi di scrittura creativa e ha collaborato con la rivista francese di teatro “CASSANDRE HORSCHAMP” diretta da Marc Tamet autore di teatro contemporaneo a Parigi. Francesca Rita Rombolà collabora oggi con L’Agenzia THOTH(www.thoth.it)che si occupa di eventi, pubblicità, comunicazione e scrive sul blog WWW.POESIAELETTERATURA.IT – Canto e parole nell’era dei sentimenti estinti… Ha scritto anche diversi articoli per il blog CAMBIAVERSO – L’informazione controcorrente. Sue poesie e suoi articoli di musica e letteratura appaiono anche, periodicamente, sul blog DELIRI PROGRESSIVI.

Utenti online