Kelvin 273

Francesca Rita Rombolà

Francesca Rita Rombolà è una poetessa e scrittrice. Ha pubblicato diversi libri di poesia e di narrativa (romanzi, raccolte di racconti, raccolte di poesie). Ha ricevuto menzioni e riconoscimenti vari da critici letterari e giornalisti(primo fra tutti Indro Montanelli nel lontano 1989) fra i quali Mauro Baroni, Paolo Ruffilli, Ettore Fini, Giorgio Barberi Squarotti. Ha frequentato alcuni corsi di scrittura creativa e ha collaborato con la rivista francese di teatro “CASSANDRE HORSCHAMP” diretta da Marc Tamet autore di teatro contemporaneo a Parigi. Francesca Rita Rombolà scrive sul blog WWW.POESIAELETTERATURA.IT – Canto e parole nell’era dei sentimenti estinti… Ha scritto anche diversi articoli per il blog CAMBIAVERSO – L’informazione controcorrente. Sue poesie e suoi articoli di musica e letteratura appaiono anche, periodicamente, sul blog DELIRI PROGRESSIVI. Scrive sul giornale on line PrimaPaginaOnLine.org.

La Poesia e il mito del Fanciullo Divino

La Poesia e il mito del Fanciullo Divino

“Come l’oro puro è il migliore dei metalli, il Meru il migliore dei monti, l’oceano il migliore delle acque, la luna il migliore dei corpi celesti e il sole il migliore dei fuochi così tuo figlio è il migliore degli uomini.” (canto 37); ”  “I suoi occhi guardano senza ammiccare e sono limpidi e grandi, radiosi eppur miti, calmi e… Leggi tutto

ade

La Poesia e il suo proprio luogo

“Aghi di ghiaccio mi pulsano dentro il petto. Il mio respiro è freddo. La mia vita sta fuggendo verso il freddo assoluto dell’ abisso. La luce… la luce oltre la soglia del Mistero”. Le ultime parole di John Keats (1785 – 1821), poeta romantico inglese morto di tisi in giovanissima età. Così la vita fugge via, fiore in boccio reciso,… Leggi tutto

12082015103659_sm_13104

Il poeta e il suo compito nel tempo e nello spazio

Chi è il poeta? Il poeta è strumento dell’epoca(esattamente come strumento della lingua). L’epoca e la sua lingua, in realtà, pensano per mezzo del poeta. Tuttavia questo pensiero stesso deve influenzare l’epoca e la sua lingua. Il poeta non trasforma il mondo e le cose del mondo, ma può influenzare la coscienza e pizzicare le corde più sensibili e profonde… Leggi tutto

24072015124916_sm_12920

Un ricordo speciale

Undici anni. Una bambina appena. Una bambina ancora. Che ha avuto esperienza della morte. L’ha vissuta in prima persona vedendosi strappata, all’improvviso, ad un’infanzia sognante ignara del male, del dolore e della sofferenza per la perdita dell’essere più caro che si ha, che si recepisce e al quale si è legati da un affetto intenso e profondo.   Mi hai… Leggi tutto

14072015183814_sm_12790

Il sacro fuoco della Poesia e i muri da abbattere

Muri di pietra. Muri di gomma. Muri di ghiaccio. Muri di cristallo. Muri di legno e fin’anche di sabbia. Muri invisibili fatti di etere o aria, di omertà o di rancore, di invidia, di malvagità, di incomunicabilita, di odio o di vanagloria, di egoismo o di perbenismo, di paura o di pregiudizi. Un muro davanti alla tua strada. Sul tuo… Leggi tutto

25062015180232_sm_12572

L’ode e l’inno in poesia, avvolti dal freddo oscuro dello Zero Assoluto

L’inno, in Poesia (dal greco himnos, canto), è un componimento lirico che si ispira a valori riconosciuti come propri ed essenziali da una comunità. Nell’antica Grecia l’inno era un canto eminentemente religioso che celebrava una divinità (gli uomini considerati esemplari o gli eroi, invece, erano cantati nell’ode). Alcuni inni avevano un nome specifico in relazione alla divinità a cui erano… Leggi tutto

05062015145426_sm_12347

L’Epopea di Gilgamesh, il più antico poema dell’umanità

L’Enuma Elish o l’Epopea di Gilgamesh è il più antico poema dell’umanità che si conosca. Esso proviene da un’epoca di cui si era perduta ogni traccia e ogni ricordo, finchè gli archeologi, con i loro scavi, non iniziarono a portare alla luce, nel secolo XIX, le antichissime città sepolte del Medio Oriente. Le tavolette di argilla, che riportano il racconto… Leggi tutto

20052015161802_sm_12141

L’immaginazione e la potenza arcana della Poesia

Il pellegrino Dante è ormai prossimo al fondo dell’Inferno, il primo dei tre regni ultraterreni, cantati nella Divina Commedia,(gli altri due sono il Purgatorio e il Paradiso) che deve visitare per forza maggiore ovverossia per volontà divina. Il buio, ora, si fa fitto e tenebroso tanto che si riesce a vedere con difficoltà. Al contempo, la ragione si ottenebra e… Leggi tutto

11052015163432_sm_12035

Arcaicità e modernità, la poesia in Tibet

La creazione letteraria in Tibet è da sempre ricca e varia. La poesia, in Tibet, ha origini arcaiche (se non addirittura antidiluviane!), perciò la sua produzione è davvero molto vasta. Mi limitterò a riportare, in sintesi, cenni essenziali affinchè se ne possa intuire il concetto e la sublimità. I testi poetici di Dunhuang, ad esempio, sono tanto arcaici da essere… Leggi tutto

23042015093101_sm_11778

Il libro, strumento di contraddizione

Un libro fa sognare, ma produce anche dolore e disappunto. Un libro può costruire ed edificare, ma può anche distruggere e annientare. Un libro può scatenare l’odio e la guerra, ma può anche indurre all’amore e alla fratellanza. Un libro può liberare sia la mente che il corpo, ma può anche imprigionare sia il corpo che la mente. Un libro… Leggi tutto

Page 6 of 8
1 4 5 6 7 8
Utenti online