Kelvin 273

Francesca Rita Rombolà

Francesca Rita Rombolà è una poetessa e scrittrice. Ha pubblicato diversi libri di poesia e di narrativa (romanzi, raccolte di racconti, raccolte di poesie). Ha ricevuto menzioni e riconoscimenti vari da critici letterari e giornalisti(primo fra tutti Indro Montanelli nel lontano 1989) fra i quali Mauro Baroni, Paolo Ruffilli, Ettore Fini, Giorgio Barberi Squarotti. Ha frequentato alcuni corsi di scrittura creativa e ha collaborato con la rivista francese di teatro “CASSANDRE HORSCHAMP” diretta da Marc Tamet autore di teatro contemporaneo a Parigi. Francesca Rita Rombolà scrive sul blog WWW.POESIAELETTERATURA.IT – Canto e parole nell’era dei sentimenti estinti… Ha scritto anche diversi articoli per il blog CAMBIAVERSO – L’informazione controcorrente. Sue poesie e suoi articoli di musica e letteratura appaiono anche, periodicamente, sul blog DELIRI PROGRESSIVI. Scrive sul giornale on line PrimaPaginaOnLine.org.

02122014184333_sm_9964

Cos’ è il verso libero in Poesia

Parliamo del verso libero in Poesia (il vers libre francese teorizzato da Gustave Kahn nel 1887) chiedendoci subito: che cos’è il verso libero in Poesia? E subito possiamo rispondere che il verso libero in poesia è il verso stesso e l’organizzazione del verso caratteristica della poesia contemporanea, che non corrisponde più ai principi propri della metrica ottocentesca nè ai modelli… Leggi tutto

21112014154503_sm_9832

Come nascono e cosa sono il linguaggio e la poesia

POESIA. Una parola semplice. Un concetto complesso e oscuro. Un’origine arcaica che si perde nella notte dei tempi. L’uomo nasce con la Poesia. Nasce insieme al suo poetare. La Poesia nasce con l’uomo. Ma forse, più profondamente e più in profondità, nasce prima dell’uomo. E’ prima dell’uomo. Esiste prima dell’uomo. E’ in attesa dell’uomo. Attende l’uomo per essere chiamata da… Leggi tutto

10112014155700_sm_9682

L’Arte e lo Zero Assoluto

Se la temperatura più alta per bruciare i libri, che contengono sapere e cultura, è 451 gradi Fahrenheit come rende edotti al riguardo Ray Bradbury nel suo romanzo FAHREHEIT 451, ipoteticamente e fantascientificamente, quella più bassa per congelarli o per annientare ogni germe di vita è – 273 gradi Kelvin, la temperatura più bassa nell’intero Universo, ossia lo Zero assoluto…. Leggi tutto

Page 8 of 8
1 6 7 8
Utenti online