Kelvin 273

Francesca Rita Rombolà

Francesca Rita Rombolà è una poetessa e scrittrice. Ha pubblicato diversi libri di poesia e di narrativa (romanzi, raccolte di racconti, raccolte di poesie). Ha ricevuto menzioni e riconoscimenti vari da critici letterari e giornalisti(primo fra tutti Indro Montanelli nel lontano 1989) fra i quali Mauro Baroni, Paolo Ruffilli, Ettore Fini, Giorgio Barberi Squarotti. Ha frequentato alcuni corsi di scrittura creativa e ha collaborato con la rivista francese di teatro “CASSANDRE HORSCHAMP” diretta da Marc Tamet autore di teatro contemporaneo a Parigi. Francesca Rita Rombolà scrive sul blog WWW.POESIAELETTERATURA.IT – Canto e parole nell’era dei sentimenti estinti… Ha scritto anche diversi articoli per il blog CAMBIAVERSO – L’informazione controcorrente. Sue poesie e suoi articoli di musica e letteratura appaiono anche, periodicamente, sul blog DELIRI PROGRESSIVI. Scrive sul giornale on line PrimaPaginaOnLine.org.

La Poesia oscura parola enigmatica

La Poesia oscura parola enigmatica

Trema la terra. Trema la vita. Trema il silenzio. Pochi minuti talvolta. Attimi lunghissimi che sconvolgono, distruggono, annientano… E poi macerie su macerie, grida di aiuto, richieste di soccorso, lotta impari contro il tempo per salvare chi forse non crede ormai più di essere salvato, con nel cuore e nell’anima la speranza, sempre la speranza dura, tenace, incredibilmente forte. E’… Leggi tutto

La Poesia e la Libertà

La Poesia e la Libertà

La Libertà. Un’ idea? Un ideale? Una metafora? Un eufemismo? Un ossimoro? Un concetto astratto? Un dissertare filosofico? Un qualcosa di etereo? Di impalpabile? Un’ illusione? Una chiemera? Un qualcosa di impossibile? Di irragiungibile? Di inverosimile? Di incredibile? Un ‘ utopia forse?(Il Regno della Libertà…). La Poesia è libertà? La Libertà è poesia? Fatto sta che poesia e libertà hanno… Leggi tutto

Una (amara) riflessione acuta e silenziosa

Questo brano è tratto dal romanzo SUL TRENO (anno 2018) di Francesca Rita Rombolà, edito dalla casa editrice GDS. (…) Cosa avrebbe dovuto fare la donna(se fosse stata come lui, cioè se avesse avuto la sua identica natura aggressiva, impulsiva, rigida, glaciale)per vendicarsi dell’uomo per aver subito e perchè subisce da lui ogni sorta di male grande e piccolo, terribile… Leggi tutto

Il poeta: guerriero, condottiero e capo carismatico?

Il poeta: guerriero, condottiero e capo carismatico?

In ogni epoca della storia umana e presso ogni popolo della terra il poeta è stato quasi sempre visto, in un certo immaginario collettivo, come un guerriero armato di spada, di lancia e di cetra o di arpa. Presso le prime civiltà del Medio Oriente, presso i greci e presso i romani, presso i celti, nel Medioevo come nel Rinascimento,… Leggi tutto

Schegge impazzite di umanità e di temporalità

Schegge impazzite di umanità e di temporalità

Molti i genocidi nel mondo, nel passato remoto e nel passato recente. Molte le uccisioni di massa nel passato e nel presente del mondo. Esseri umani che sopprimono, spesso brutalmente e in modo cruento, la vita di altri esseri umani. Non è importante chiedere o chiedersi chi sono stati o chi sono. Essi erano, prima di morire. Essi erano, un… Leggi tutto

La poesia del vento

La poesia del vento

Il vento. Invisibile eppure presente. Elemento fondamentale per il pianeta terra. Forza ed essenza della natura cariche di mistero e di fascino. Il vento è alito. E’ soffio. Il vento è mito. E’ leggenda. Il vento personificazione della divinità e voce interiore del divino. Il vento viene e va. Ma non si sa da dove viene nè dove va. Il… Leggi tutto

E la Poesia percepisce, vede, sente, ascolta

E la Poesia percepisce, vede, sente, ascolta

Nei primi decenni del ventunesimo secolo l’uomo attraversa il pianeta per terra e per mare come mai aveva fatto prima. Forse il suo andare, o meglio, il suo migrare attuale è un pò paragonabile alle grandi migrazioni dell’era glaciale e della post era glaciale, comunque un periodo preistorico che risale ad almeno migliaia di anni fa. L’uomo si sposta dal… Leggi tutto

Il Canto misterioso e sublime della natura

Il Canto misterioso e sublime della natura

Il deserto del Sahara, il più grande deserto della terra. Di giorno il sole arroventa la sabbia gialla e i ciottoli, il vento disfa e modella dune fugaci come gocce di pioggia, vaste come oceani surreali dimenticati in qualche angolo remoto della memoria. Di notte l’enorme distesa sembra giacere supina come per accogliere il riposo dei nomadi stanchi, delle loro… Leggi tutto

Il poeta e il potere costituito: un rapporto da sempre ambivalente

Il poeta e il potere costituito: un rapporto da sempre ambivalente

Il Potere è sovrano, spesso onnipotente, addirittura apoteosi dell’incredibile. Il tiranno ha potere di vita e di morte su i propri sudditi, il dittatore impone, con la forza bruta o con la coercizione sottile, il proprio potere di decisione sulla vita e sulla morte dei cittadini. Nulla teme il Potere sulla terra. Nulla teme il tiranno. Nulla il dittattore. Ogni… Leggi tutto

Poesia iconica e poesia visiva

Poesia iconica e poesia visiva

Dal greco eikòn, immagine, l’icona in semiologia è qualunque immagine portatrice di significato. La poesia, essendo basata sugli “a capo” e sulla divisione strofica, trasmette di per sè una inconfondibile immagine iconica che la rende subito riconoscibile fornendo allo sguardo informazioni supplementari sulla sua forma e, indirettamente, sul contenuto. La lunghezza del verso o delle strofe, la presenza o l’assenza… Leggi tutto

Utenti online